Terapia psicomotoria - ...INGIOCO SOCIETA' COOPERATIVA SOCIALE ONLUS

Vai ai contenuti

Menu principale:


 
Trattamenti di terapia psicomotoria individuale

La psicomotricità è una disciplina che utilizza la mediazione corporea, il  movimento e il gioco come risorse privilegiate di relazione e apprendimento,  utili a favorire il processo di costruzione della propria individualità.

L’approccio clinico della neuropsicomotricità è caratterizzato dalla presa in  carico del bambino, riconosciuto come individuo ed unità psicosomatica  (mente-corpo) in cui le componenti motorie, cognitive ed emotive sono  inscindibili.

Il Terapista ha il compito di osservare il bambino nella sua  globalità, valutare eventuali “ritardi e disturbi psicomotori”, individuare  bisogni e risorse del bambino, attuare l’intervento terapeutico precedentemente  pianificato e condiviso con la famiglia e l’equipe multidisciplinare.

Gli obiettivi specifici di trattamento, stabiliti in base alla valutazione  effettuata,  mirano al miglioramento delle competenze compromesse e al  potenziamento delle risorse del bambino.

Ogni intervento è pensato e adattato alle necessità del singolo, con  particolare attenzione alla sua globalità e unicità. Si propone un approccio  basato sul rapporto di fiducia e su una relazione significativa

Il Terapista della Neuro e Psicomotricità dell’Età Evolutiva è una figura  professionale che svolge attività di prevenzione, abilitazione e riabilitazione  nei confronti della disabilità dell’età evolutiva e di tutti i disordini dello  sviluppo del bambino nelle sue varie forme di espressione psicomotoria,  cognitiva, comunicativa e relazionale:
-          favorisce lo sviluppo psicofisico della persona in età  evolutiva;
-          aiuta a superare fragilità e momenti di crisi evolutiva nelle  diverse età dello sviluppo ed evita l’instaurarsi di una patologia;
-          interviene specificatamente in situazioni di patologia conclamata  partendo dalle risorse e potenzialità dell’individuo allo scopo di sostenere e  promuovere lo sviluppo armonico del bambino e di favorire il raggiungimento del  maggior grado di autonomia possibile.

Si rivolge a bambini/e con ritardi psicomotori, ritardo mentale, disturbi neurologici, disturbi sensoriali, disturbi neuromotori (paralisi cerebrali infantili; distrofie; paralisi ostetriche etc.), disturbi della coordinazione motoria, disturbi dello spettro autistico, disturbi dell’attenzione, disturbi della comunicazione, disturbi specifici di apprendimento DSA (dislessia, discalculia, disgrafia etc…), sindromi genetiche.

Modalità e tempi sono da concordare con la Specialista.



 
Torna ai contenuti | Torna al menu